Una giornata sullo slittino

Data
19.02.2019

Una giornata sullo slittino

La felicità è una corsa sullo slittino

Mentre spieghiamo a nostra figlia di quattro anni per la centotrentacinquesima volta che manca poco, cerco di godermi questi brevi scorci di paesaggio. Le fronde degli alberi ricoperte da un velo zuccherino strizzano l’occhio ai raggi del sole e la foresta sempre più fitta risveglia in me teneri ricordi d’infanzia. Oh, com’era bello poter finalmente indossare la tuta da sci nuova e testarla in balia del vento e della neve! Questo è esattamente quello che faremo oggi. Stiamo andando a Obereggen per divertirci sullo slittino! Iuppiii!

“Mamma?!” Mio marito sorride di fronte alla tenacia della nostra bimba e io le rispondo: “Sì, siamo arrivati, guarda, Bruno ci sta aspettando lassù!” Bruno? Già, Bruno, l’orso Bruno. Che poi questo simpaticone possiede addirittura un appezzamento di terreno, il Brunoland!

Quest’area giochi si trova presso la stazione a valle, dove ci aspettano due tapis roulant lunghi 30 e 50 metri, una giostra per bambini, un gatto delle nevi, un tunnel innevato, una pista da snowtubing, un castello gonfiabile e tante onde di neve. Qui i bambini possono scatenarsi tutti i giorni dalle 10:00 alle 16:00. Inoltre il programma del lunedì e del mercoledì prevede tanti giochi avvincenti: una caccia al tesoro, uno snow party, un tour esplorativo assieme ad un maestro di sci, una sessione di trucco per bambini e un corso di palloncini. E dalle 14:00 alle 15:00 è presente anche l’orso Bruno in pelo e ossa.

Ready...

“Dai, andiamo, così non ci perdiamo nemmeno una curva.” Con il berretto di lana in testa e rigorosamente avvolti nelle sciarpe di pile, ci affrettiamo a raggiungere la pista. Chi più e chi meno velocemente. Mia figlia, infatti, dimostra ancora una volta la sua furbizia e si fa trascinare seduta sullo slittino. Eh vabbè, che cosa ci vuoi fare, almeno così abbiamo già fatto il test drive. Stooopp!! Ci siamo scordati i biglietti per la cabinovia! Ritorniamo velocemente alla cassa, dove per fortuna una signora molto gentile ci consegna gli skipass e ci indica il percorso per raggiungere l’impianto di risalita giusto. Saliamo nella cabina e ci stringiamo tutti e tre in un tenero abbraccio. WOW! Il panorama all’arrivo è davvero insuperabile. Davanti ai nostri occhi si apre una vista da VIP sul Latemar che imponente ci sorveglia dall’alto e... saranno mica nuvole quelle? Che cos’è tutto questo candore? È come se avessimo prenotato in anticipo una porzione di cielo azzurro e tanta soffice neve! Gli occhi della nostra bambina brillano come il sole. Naturalmente non solo perché il tempo promette bene, ma anche perché stiamo per decidere come organizzarci. La piccola appassionata di slittino sfreccerà sulla pista assieme a mamma o aggrappata al papà? Neanche a dirlo, la piccola è in squadra con il papà! D’accordo, mi adatto a raccogliere da terra il piccolo slittino monoposto rimasto (ti pareva!) e cerco di raggiungere i miei due leprotti.

… go!

Eiii... ma è super divertente! Affronto le curve come se non ci fosse un domani, cercando di spostare al meglio il peso del mio corpo. Su i piedi... e finisco catapultata dentro un mucchio di neve fresca! Perfetto... Non posso fare a meno di ridere di me stessa. Mettiamola così, almeno non mi ha visto nessuno. Raggiungo la meta seguendo le indicazioni “Absam-Stube” e faccio finta di aver lasciato vincere i miei due “concorrenti”. Pfiu, l’ho scampata bella! :D

La musica si ripete per altre 135 volte. Rigorosamente in mezzo al verde, anzi al bianco. La nostra piccola principessa del ghiaccio sfreccia in pista alternativamente dietro alla mamma e al papà e sì, naturalmente un tratto lo vuole per forza percorrere da sola. “Ce la faccio!” Per fortuna la pista è adatta anche agli esperimenti dei nanetti particolarmente coraggiosi. I bordi della pista, infatti, sono protetti alla perfezione, la pendenza è limitata e, cosa non da sottovalutare, la pista non è eccessivamente lunga. L’alternanza tra divertimento sulle lame e riposo all’interno della cabina è ideale. E come non citare la vista da brividi sul Latemar!

Dopo due ore e mezza di divertimento no stop sullo slittino gli occhietti della mia principessa iniziano a dare qualche segno di stanchezza. Così decidiamo di ritornare a valle. Naturalmente prima di rincasare ci concediamo una breve tappa al Brunoland, facciamo un giro veloce in giostra, diamo un’occhiata alle attrazioni colorate e ci riscaldiamo con una tazza di tè nella locanda accanto.

“Saluta di nuovo Bruno”, dico a mia figlia prima di partire. Ma girandomi verso di lei mi accorgo che sta già sognando. Sì, una giornata sullo slittino come questa è molto stancante. Ma rende felici.

 

Obereggen - Latemar | © Obereggen AG/SpA

Melanie Gögele

è una blogger e una content scout di clicktext, l’agenzia di content e social media marketing dell’Alto Adige.
Ama le infradito, il caffè ed abbinare gli orecchini al suo stato d’animo.

È la fuoriclasse delle traduzioni e la voce narrante per il pubblico italiano: Serena Schiavolin è la responsabile Translation & Italian Content di clicktext, l’agenzia altoatesina di Corporate Content. Serena aggiunge ad ogni storia un inconfondibile tocco di italianità.