Funivia Tires

Autore
Gufler Maria
Data
16.10.2020

Funivia Tires

Via libera alla funivia di Tires

“Il progetto di costruzione della funivia di Tires, destinata a collegare la località di San Cipriano con la Malga Frommer, ha avuto a inizio settembre l’approvazione della Conferenza dei servizi in materia ambientale. L’iter per l’ottenimento della concessione edilizia può considerarsi dunque concluso: il rilascio del permesso è atteso a breve”, riferisce il Presidente di Seilbahn Tiers S.p.a., Martin Damian. “La cabinovia di Tires, con una capacità di 60 posti e una lunghezza del tracciato di 3.8 km, supera in una corsa di soli 7 minuti un dislivello di 644 metri”, specifica Damian.

La decisione a favore di un impianto con una cabina da 60 posti è scaturita alla luce di diversi fattori: la possibilità di una maggiore lunghezza delle campate consente di limitare il numero di piloni a sostegno della linea, ridotti a cinque, consentendo inoltre di tendere in alto le funi. Una maggiore altezza di scorrimento significa ridurre al minimo gli interventi di disboscamento. Le maggiori spese di investimento iniziali sono compensabili, a medio e lungo termine, grazie a costi operativi nettamente più contenuti. Nei periodi di minore affluenza, l’impianto è inoltre in funzione solo all’occorrenza, con la possibilità di circolare anche senza personale di cabina. La notevole sopraelevazione della linea accresce poi l’attrattiva dell’impianto. È persino all’esame la realizzazione di una funivia “cabrio”, opzione che ne renderebbe ancor più allettante la componente panoramica. 

Ispirato dall’idea che il troppo stroppi e che il niente sia ancora la soluzione migliore, l’architetto Werner Tscholl ha presentato per la stazione a valle e a monte un progetto mosso dalla volontà di un delicato inserimento nell’incantevole paesaggio del Catinaccio. Le stazioni, infatti, spariscono sotto ai prati, lasciando visibili solo i punti di ingresso e uscita

“Il piano finale di finanziamento è ancora in fase di stesura”, informa il Presidente di Seilbahn Tiers S.p.a., Martin Damian. “L’investimento complessivo ammonta a circa 15 milioni di Euro.” 

Mobilità dolce e valore aggiunto per residenti e turisti

L’impianto, con stazione a valle in località San Cipriano e stazione a monte in prossimità della Malga Frommer nell’area Carezza Dolomites, rientra nell’ambito di una più ampia iniziativa, tesa a promuovere ai piedi del massiccio del Catinaccio una mobilità ecologicamente sostenibile. “La funivia di Tires, fungente da porta di accesso al Patrimonio Naturale UNESCO del Catinaccio, nelle Dolomiti, si collega alla cabinovia König Laurin, in costruzione, e alla cabinovia di Nova Levante. Oltre a congiungere direttamente con il comprensorio sciistico, nei mesi estivi questo sistema funiviario permette di includere anche Nova Levante e, in particolare, la seggiovia Tschein per la Malga Moser, da cui poter poi raggiungere a piedi, con una breve camminata, il Lago di Carezza” spiega Florian Eisath, CEO di Carezza Dolomites. 

Anche l’allacciamento ai sentieri escursionistici verso Tires, in particolare verso la Malga Costa - Haniger, riceverà indubbiamente nuovo slancio grazie alla realizzazione della stazione intermedia della linea König Laurin.

“La nostra visione è quella di rendere l’altopiano sotto al Catinaccio un’area il più possibile car-free. Ci immaginiamo infatti che in futuro sarà possibile muoversi in modo ecologico, a piedi, in bicicletta o in treno, fino al Lago di Carezza e ritorno”, afferma convinto Florian Eisath.  

Gufler Maria

Maria ama fare trekking in montagna, esplorare e fotografare la natura.