VAL D'EGA & Aldino

Settimane di specialità culinarie selvaggina e foresta

Settimane culinarie in Val d'Ega & in Aldino

18/09 - 04/10/2020

Per gli amanti di selvaggina e chi la sa apprezzare, consigliamo di non perdere l’autunno culinario della Val d’Ega!
L’autunno con i suoi profumi, i suoi frutti maturi, erbe e funghi ci regala tanti gustosi ingredienti per arricchire le nostre pietanze di selvaggina.
Quindi, godetevi dal 18 settembre al 04 ottobre 2020 nei ristoranti della Val d'Ega e Aldino i nostri piatti speciali di selvaggina e foresta in un panorama spettacolare sotto le Dolomiti!

Suggerimento: dal 19/09 al 03/10/2020 alle Settimane della selvaggina e della foresta a Nova Levante vengono offerte diverse escursioni e attività interessanti!

Ristoranti partecipanti

Kirnig – Funghi nobili dell‘ Alto Adige, autentici e vigorosi

Andreas e Josef, due agricoltori di Aldino producono i primi funghi nobili dell'Alto Adige in un vecchio maso restaurato ad Aldino e riforniscono la gastronomia locale ed i buongustai con i loro deliziosi funghi. 
Visita guidata dello stabilimento di produzione seguita da una degustazione dei funghi nobili.

Date: 18.09.2020 | 25.09.2020 | 02.10.2020
Orario: dalle ore 16.00 alle ore 18.00
Punto di ritrovo: "Hof im Thal" ad Aldino
Prenotazione obbligatoria: Tel +39 0471 619500
Prezzo: 8,00 € a persona
www.kirnig.com

 

Gulasch, polenta e cavolo rosso

COME CUCINARE LA SELVAGGINA

10 consigli per preparare la carne di selvaggina

1. Il tempo di frollatura deve variare in base alla tipologia della selvaggina, idealmente la carne dovrebbe rimanere appesa per almeno 10 giorni. Prima di arrostire, la selvaggina deve essere liberata dai tendini e dalla pelle.
2. All’ acquisto assicurarsi che la carne di selvaggina sia soda e di colore rosso scuro. Questo dimostra la freschezza e la qualità della carne.
3. La carne di selvaggina è molto magra, tenera e succosa – per questo motivo è importante prestare attenzione ad alcune caratteristiche speciali durante la preparazione. Per evitare per es. che la salsiccia di selvaggina sia troppo dura, durante la produzione si dovrebbe sempre aggiungere un po' di carne di maiale alla carne di selvaggina.
4. La selvaggina è un vero vincitore tra i tipi di carne. È a basso contenuto di grassi e ricco di proteine, vitamine del gruppo B e oligoelementi come ferro e zinco. Poiché la selvaggina vive in natura, ha molta carne muscolare e non contiene sostanze estranee nocive. Al contrario: i numerosi acidi grassi insaturi che si trovano nella carne di selvaggina sono un fattore preventivo contro gli attacchi di cuore e le malattie vascolari!
5. Spezie e erbe fresche danno più sapore. Il sapore della carne di cervo è particolarmente accentuato dall'aggiunta di ginepro, alloro, timo, rosmarino, menta o mirtilli rossi. Alcuni cuochi aggiungono anche il cioccolato fondente per un tocco più raffinato.
6. Nel caso di un forte sapore di selvaggina, è meglio aggiungere vino rosso, erbe aromatiche o ginepro.
7. Friggere sempre la carne prima della cottura. In seguito, la carne di selvaggina deve essere cotta lentamente per ottenere una carne tenera. Sarebbe ideale se la carne all'interno raggiungesse una temperatura di 80 gradi per almeno qualche minuto. È possibile effettuare un test di cottura con le dita: Se si riesce a premere in profondità nella carne, è ancora molto cruda. Se non cede più, la carne è ben cotta.
8. Cavolo rosso, polenta, canederli, stringoli di patate e ovviamente funghi sono adatti come contorno alla selvaggina.
9. Un piatto di selvaggina deve essere accompagnato da una bevanda adeguata. Un buon vino rosso si abbina perfettamente alla selvaggina.
10. La stagione della selvaggina va da maggio a metà ottobre.

Medaiglione di cervo con patate "Schupfnudel"

RICETTA: CUCINARE e DEGUSTARE

Bistecche di cervo in mantello di Speck con funghi porcini

Ingredienti
800 grammi di cervo
12 fette di Speck
500 grammi di funghi porcini
1 bicchiere di vino Porto
1 mazzo di rosmarino
1 mazzo di prezzemolo
2 cucchiai di burro
1 goccia d'olio d'oliva
1 pizzico di sale, pepe e zucchero

Togliere il dorso del cervo dalle ossa e rimuovere la pelle argentata.
Tagliare il filetto di cervo (800 g) in fette larghe tre dita e metterlo da parte.
Distribuire il rosmarino sullo Speck, avvolgere i pezzi di carne con le 12 strisce di Speck e fissare i pacchi di Speck e carne con filo da cucina e sale. Fare rosolare i medaglioni in una padella con burro fuso fino a quando sono croccanti. Mettere la carne in forno a 120°C per tenerla al caldo e cuocere.
Aggiungere pepe, sale, rosmarino e vino di Porto alla salsa rimanente nel tegame e farla addensare – una salsa gustosissima per accompagnare la carne.
Pulire e tagliare i funghi porcini (500 g) e soffriggere in padella con olio, aglio, prezzemolo, pepe, sale e burro.
Togliere la carne dal forno, metterla su un piatto con i porcini e la salsa e servire.
Si consiglia di abbinare un vino rosso intenso a questo delizioso piatto autunnale!

  • Burger di selvaggina Mayrl Alm
    Semifreddo di zucchero al pino con frutti di bosco
    Tortelloni "bianchi e neri" farciti di porcini
    Filetto di lombata di capriolo con funghi porcini
    Tortelloni con ragu di cervo
    Gulasch, polenta e cavolo rosso